Focus Medio Termine: aria fredda continentale irromperebbe sull'Italia da venerdì.

Published in News Meteo

Eccoci in un nuovo focus per analizzare attentamente la tendenza meteorologica per questo fine settimana. Diversi siti blasonati, pur di accaparrarsi qualche click, stanno annunciando temperature in ribasso e quota neve come se fossero numeri del lotto. Meglio fare chiarezza e capire bene quanto si prospetta per il fine settimana.

Geopotenziali e pressione sul livello del mare nelle prossime 24h. Si nota l'alta pressione ancora stabile presente sulla nostra Penisola.

Intanto partiamo dal dire che le prossime giornate (almeno fino a giovedì) l'alta pressione continuerà a garantire tempo prevalentemente stabile su gran parte della Penisola, Abruzzo compreso. Alterneremo annuvolamenti alti e stratificati ad ampie schiarite ma non mancheranno delle foschie o nebbie nelle valli e zone pianeggianti nelle ore più fredde della giornata. Tuttavia inizieremo ad avvertire i primi segni dell'arrivo del freddo da giovedì in quanto le temperature massime subiranno una prima lieve diminuzione.

L'arrivo delle masse d'aria di origine continentale sulla nostra Penisola tra Venerdì e Sabato. Notare l'alta pressione che dal Nord-Africa si estende fin sulla Scandinavia favorendo lo scorrimento di aria più fredda verso latitudini più basse.

Da venerdì, stando a quanto emerge dalle ultime emissioni modellistiche, masse d'aria molto fredda di origine continentale, entrando dalla porta dei Balcani, si riverseranno fin sul nostro stivale determinando una diminuzione delle temperature i cui valori si porteranno di qualche grado sotto le medie stagionali. Si tratta della prima incursione fredda della stagione che, ad ogni modo, ci farà assaggiare la stagione invernale ma saranno le regioni Balcaniche e successivamente l'Europa centrale ad avere gli effetti maggiori di questa perturbazione.

Anomalia termica prevista per il fine settimana. Valori sì sotto media ma nulla di eclatante.

Per quanto riguarda l'Abruzzo, al momento non ci soffermeremo sui dettagli. Possiamo dire che da venerdì le temperature subiranno una netta diminuzione rispetto ai valori che stiamo registrando in questi giornate e che le condizioni meteorologiche, a partire da venerdì, saranno spiccatamente variabili. Le masse d'aria in arrivo saranno in prevalenza sterili, tuttavia il passaggio del freddo sull'Adriatico farà in modo che le elevate temperature e l'alto tasso di umidità della superficie del mare possano favorire la genesi di annuvolamenti anche consistenti al largo delle coste abruzzesi e, di conseguenza, si andrebbero ad associare rovesci a carattere sparso lungo il versante orientale, con la possibilità di sconfinamenti fin sull'aquilano. In queste occasioni, ovviamente, non mancheranno nevicate in montagna, molto probabilmente a quote relativamente basse. Per il momento ci fermiamo qui, dettagli come intensità delle precipitazioni, quota neve e stima della diminuzione delle temperature si potranno leggere a poche ore di distanza dagli eventi in previsione in quanto lo scenario meteorologico diviene più chiaro e delineato. Non mancheranno nuovi aggiornamenti in settimana.

Modele GFS - Carte prévisions

Quadro delle precipitazioni previste per la giornata di Sabato 17 Novembre. Immagine da "prendere con le pinze" in quanto non è ancora possibile determinare a più di 96 ore di distanza, gli accumuli o l'intensità delle precipitazioni. Verranno scritti nuovi aggiornamenti a riguardo.