Temperature in calo tra Natale e Santo Stefano, poi rinforzo anticiclonico.

Published in News Meteo

Le previsioni meteo dal 24 al 30 Dicembre 2018.

  
[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris]

Eccoci dunque giunti a Natale. Le condizioni meteo che ci stanno facendo avvicinare ad una delle feste più importanti nel mondo, sono abbastanza buone, salvo delle classiche nebbie al mattino e nottetempo nelle vallate. Tuttavia, il campo anticiclonico, si farà un pochino da parte tra appunto il giorno di Natale ed il successivo di Santo Stefano,lasciando spazio a delle correnti da nord est le quali faranno abbassare la temperatura di vari gradi lungo la nostra penisola, ove probabilmente solo il nord ovest non ne sentirà più di tanto. Poi, di nuovo a quanto pare, l’anticiclone tenderà a tornare lungo tutta la nostra penisola, garantendo bel tempo e riportando un aumento delle temperature, seppure rimarranno piuttosto basse, soprattutto nelle vallate durante la notte e durante le prime ore del mattino. Nel week end, invece, non saranno nuovamente da escludere le correnti fredde dai quadranti orientali, che potranno dare luogo a dei fenomeni sui versanti adriatici. Ma questa teniamola come una possibile tendenza.

Lunedì, 24 Dicembre, giorno della vigilia di Natale, nubi e precipitazioni sulle zone di confine delle alpi, nevose a quote intorno ai 1200 m , in calo dal pomeriggio. Su buona parte della penisola, cielo tra poco nuvoloso, con nubi anche sui settori tirrenici della catena appenninica. Qualche debole fenomeno sulla Campania. Con la rotazione dei venti prima di sera da est-nord est, i fenomeni si presenteranno a tratti moderati sull’Abruzzo, con quota neve intorno ai 1500 m, in calo durante la notte, anche se cesseranno nelle prime ore di Martedì. Al sud invece avremo un tempo più instabile. I venti, da nord est al nord, già dal mattino, da ovest altrove, tenderanno a ruotare dai quadranti orientali, ovunque,dal pomeriggio in poi, temperature in leggero aumento nella fascia peninsulare al mattino, in calo dal pomeriggio ad iniziare dal Triveneto e le regioni che si affacciano verso l’adriatico.

Martedì, giorno del Santo Natale, cielo poco nuvoloso al nord, salvo qualche stratificazione. Al centro, poco nuvoloso, salvo qualche addensamento sui versanti orientali, più chiuso sul meridione, con fenomeni sulla Calabria meridionale e sulla Sicilia. Venti moderati da est al nord, da nord est sul centro ed al sud, piuttosto forti con raffiche dal Molise in giù. Temperature in calo, soprattutto sul versante adriatico. ( valori tra i +2°c ad 850 hpa del nord ovest, ai -2 / -4°c delle adriatiche, ai 5°c della Sicilia e Sardegna).

Mercoledì, giorno di Santo Stefano, giornata con tempo buono un po' ovunque, per il rinforzo del campo anticiclonico su tutta la penisola. Banchi di nebbia al mattino come anche delle estese gelate notturne in tutte le vallate. Temperature in aumento al nord e parte del centro, in calo al sud, venti da direzione variabile sulle regioni settentrionali, da nord est altrove, piuttosto vivaci al sud, specie Puglia.

Giovedì, sempre anticiclone ben presente ovunque. Cielo poco nuvoloso al nord per delle stratificazioni, quasi sereno altrove. Possibilità di gelate notturne nelle valli, venti deboli da ovest, temperature in leggero aumento un po' dappertutto.

Venerdì, nulla di diverso, tempo stabile con cielo poco nuvoloso su quasi tutta l’Italia. Nebbie al mattino e gelate notturne nelle vallate alpine ed appenniniche. Ventilazione occidentale, debole, temperature stazionarie.

Sabato, giornata discreta, con qualche possibile fenomeno nelle aree interne dell’appennino centrale, venti da est, temperature stazionarie come il giorno prima ( 4°c al nord ovest, tra i 2 ed i 3°c altrove  ad 850 hpa).

Infine Domenica, potranno tornare delle correnti nord orientali, con la possibilità di fenomeni sul medio e basso adriatico con qualche spruzzata di neve oltre gli 800 m circa. Temperature in calo sulle adriatiche, stazionarie sul nord ovest e sulle tirreniche.

In Abruzzo.

Freddo già dalla notte Santa, con qualche fenomeno che oltre i 900 m potrà assumere carattere nevoso. Meglio a Natale e Santo Stefano, ma freddo con valori ad 850 hpa sui -4°c. Le temperature torneranno a salire di qualche grado, ma attenzione alle gelate notturne presente un po' ovunque. Forse di nuovo correnti orientali, potranno apportare dell’instabilità nella giornata di Domenica 30.

Non mi resta che augurare un Buon Natale a Tutti Voi affezionatissimi lettori.