Torna l’alta pressione, da Giovedì di nuovo possibile instabilità.

Published in News Meteo

Le previsioni meteo dal 14 al 20 Gennaio 2019.

  
[Previsioni a cura di Thomas Di Fiore dell'Associazione AQ Caput Frigoris]

Passata la seconda irruzione fredda dai quadranti nord orientali sulle regioni del centro sud, sembra aprirsi una parentesi più stabile anche lì. C’è comunque da dire, che il nord al momento continua a rimanere a secco di precipitazioni, in quanto è da circa un mese che di piogge non se ne vede traccia, mentre ad esempio nella giornata di Lunedì, un veloce impulso, riporterà un po' d’instabilità sulle centrali adriatiche e soprattutto al sud. Poi per un paio di giorni, l’alta pressione sembra che vorrà tenerci compagnia, un po' ovunque, mentre, già da Giovedì, altre situazioni instabili, potranno essere presenti lungo la nostra penisola come vedremo qui di seguito.

Lunedì, 14 Gennaio, le correnti che arriveranno da nord, legate alla grande depressione tra la Scandinavia ed i paesi dell’est, troveranno la barriera alpina, che per effetto stau, scaricheranno estese ed abbondanti nevicate, su un territorio, già innevato tantissimo. Nella parte meridionale, ossia quella Italiana ed appunto verso la pianura Padana, soffieranno dei venti, piuttosto miti da foehn. Discorso diverso per le centrali adriatiche ed al sud, per i venti che arriveranno da nord est, con la formazione di un minimo depressionario sul meridione. Pertanto nevicate sull’arco alpino sui versanti di confine, tempo piuttosto buono lungo la val Padana. Buono in genere anche sulle tirreniche fino al Lazio. Sulle Marche cielo variabile, con qualche fenomeno nevoso oltre i 1000 m sui Sibillini, al confine con l’Umbria. Rovesci nevosi anche su Abruzzo, Molise e buona parte del sud a quote comprese tra i 1000 / 1300 m circa, in calo verso sera, ma fenomeni in veloce traslazione verso levante. Temperature in calo al centro ed al sud con valori tra i -1 ed i -3°c ad 850 hpa, più mite sul nord e fascia tirrenica fino al Lazio. Venti da nord e nord est, un po' dappertutto.

Martedì, rinforzo dell’anticiclone delle azzorre, cielo poco nuvoloso a parte qualche velatura sulle regioni settentrionali e nulla più. Possibilità di nebbie nelle vallate nottetempo ed al primo mattino. Venti ancora forti da nord est sulla Puglia e Basilicata, da ovest in prevalenza altrove, tra moderato e forte sulla Sardegna. Temperature in leggero calo al nord con valori tra i 2 / 3°c ad 850 hpa, più basse sulle adriatiche ed al sud con 0 / -3°c.

Mercoledì, cielo per lo più tra variabile e nuvoloso al nord e sulle tirreniche , ove, su quest’ultime, potrà essere presente qualche precipitazione tra debole e moderato. Per le restanti zone, cielo poco nuvoloso. Temperature in lieve aumento un po' ovunque, soprattutto centro e sud, venti da direzione variabile sul nord, da ovest-sud ovest al centro ed al sud.

Giovedì, il campo anticiclonico, pare potrà perdere forza sulla nostra penisola, in quanto la depressione posizionata tra l’atlantico e la Scandinavia, sembra appunto leggermente scalfirla. Pertanto, al nord il cielo si presenterà tra variabile e nuvoloso, con precipitazioni nevose lungo i confini alpini, mentre qualche rovescio di pioggia non sarà da escludere in val Padana. Altri fenomeni potranno essere presenti su Toscana, Lazio, Campania e lungo l’appennino settentrionale e centrale. Meglio al sud. Temperature in aumento al centro sud, possibile lieve foehn sui versanti adriatici per i venti da sud ovest, tra deboli e moderati.

Venerdì, condizioni di tempo discreto sulle regioni settentrionali, nuvolosità sparsa con degli addensamenti lungo le regioni centrali, con qualche fenomeno sporadico, nevose oltre i 1200 m circa. Venti in generale dai quadranti sud occidentali, temperature in calo su nord e parte del centro, stazionarie o in leggero aumento al sud.

Sabato, al momento, delle correnti legate alla depressione nord atlantica, proveniente da ovest nord ovest, potrà apportare delle precipitazioni sui versanti tirrenici, nevose oltre i 1200 m circa. Nevicate anche lungo i confini alpini. Meglio al sud. Temperature senza grosse variazioni di rilievo, venti occidentali, probabilmente con raffiche sulla Sardegna.

Infine uno sguardo a Domenica, in cui la tendenza appare per una probabile blanda depressione sulla nostra penisola, con possibilità di precipitazioni a carattere sparso lungo la fascia peninsulare, più presenti al sud. Meglio al nord, con qualche nevicata sui settori di confine. Temperature pressochè stazionarie, con valori sugli 0°c al nord e sui 2°c altrove ad 850 hpa.

In Abruzzo.

Avremo ancora dell’instabilità nel corso della giornata di Lunedì, con piogge sparse e nevicate oltre i 1000 m circa. Venti moderati con dei rinforzi da nord est. Meglio Martedì e Mercoledì, con cielo poco nuvoloso, temperature in aumento, ma attenzione ai banchi di nebbia nottetempo ed al primo mattino nelle vallate. Tra Giovedì e Domenica, sarà possibile dell’instabilità a tratti con qualche pioggia sparsa, che oltre i 1200 m circa potranno assumere carattere nevoso. Ventilazione occidentale, temperature senza ulteriori variazioni.