Vortice depressionario in avvicinamento sul Mediterraneo. Vediamo la possibile evoluzione meteo per l'Abruzzo.

Published in News Meteo

Eccoci in questo nuovo aggiornamento meteo. Analizziamo subito l'immagine satellitare.

Come possiamo notare nello scatto all'infrarosso delle 17:10, la perturbazione che nelle ultime ore ha portato precipitazioni sparse anche sulla nostra regione sta scorrendo verso i Balcani. Intanto, lentamente si muove il fronte freddo di estrazione Artico-Marittima che, dopo aver attraversato l'Inghilterra. La perturbazione, nel corso della giornata di domani, entrerà dalla porta del Rodano e del Golfo del Leone e da qui inizierà il suo approfondimento a cavallo tra la Sardegna, il Mediterraneo e il Tirreno meridionale. Il minimo depressionario, che si svilupperà in queste zone poc'anzi indicate, determinerà la continua formazione di annuvolamenti attorno ad esso con associate precipitazioni piuttosto intense che potrebbero riguardare maggiormente le Isole maggiori, il Sud-Italia e parte del versante tirrenico. Oltre alle precipitazioni, sono attesi venti burrascosi a prevalente rotazione ciclonica che si svilupperanno attorno al centro di bassa pressione. Infine il minimo si muoverebbe sul Mediterraneo ed entro sabato raggiungerebbe la Grecia. Questa situazione richiamerebbe aria fredda dai vicini Balcani con conseguente interessamento del settore Adriatico ma di questo torneremo a parlarne assolutamente nei prossimi aggiornamenti.


Intanto, per quanto riguarda l'Abruzzo:

La giornata di domani, mercoledì, vedrà tempo sommariamente variabile ma l'instabilità concederà una momentanea tregua. Infatti, gli annuvolamenti si intervalleranno a delle ampie schiarite nel corso della mattinata/primo pomeriggio. A seguire è atteso un nuovo aumento della copertura nuvolosa dai settori occidentali con locali precipitazioni possibili, in serata, tra alto aquilano e marsicano. Un possibile e secondario fronte perturbato porterebbe fenomeni di instabilità sparsi sulla nostra regione nella nottata/primo mattino di giovedì. Seguirebbe un altro passaggio instabile nel corso della giornata di giovedì. Quota neve compresa tra i 700 e gli 800mt con accumuli prevalentemente sui settori appenninici e aree pedemontane. Vi invitiamo, per precauzione, a seguire i prossimi aggiornamenti in quanto siamo di fronte ad una evoluzione meteorologica che può subire notevoli cambiamenti in poco tempo. Vi terremo sempre aggiornati con le nostre previsioni giorno dopo giorno.